Post

Oggi sono io

Immagine
I primi giorni dell'anno hanno un “sapore strano”.. Ogni anno ho la stessa sensazione: il cielo il più delle volte è sereno, il sole scalda nonostante la luce leggermente fiacca, e sembra ti voglia avvolgere.. Qualche giorno fa ho detto a qualcuno: “sai cosa mi piace della fine di ogni anno? Che i primi giorni del nuovo anno sono sempre “diversi”". A questa frase, il mio interlocutore ha fatto spallucce; credo abbia iniziato ad ipotizzare fra sé e sé il significato delle mie parole, attribuendo loro svariate teorie. A quel punto allora ho voluto precisare: “Non ho mai visto, da un punto di vista meteorologico, un brutto 1 Gennaio. Solitamente o esce li sole o nevica, ma non è mai una brutta giornata”. A quel punto, quel qualcuno ha cambiato espressione.. era a metà tra “che stai dicendo?”, cercando di ricordare qualche avvenimento che mi smentisse, e la presa di coscienza del fatto che io fossi troppo lontana dalle sue teorie, anche se la mia iniziava ad incuriosirlo. Sì,…
Immagine
Siete tutti invitati alla mia prima presentazione del libro "Non ti scordar di me". 
Avrete modo di conoscermi meglio, parleremo della trama, di cosa mi ha ispirato, di come ho iniziato a scriverlo.
Moderatrice della serata sarà la prof.ssa Maria Teresa Grotto, che presenterà il romanzo dando modo ance al pubblico d'intervenire con domande.  Interverrà anche la dott.ssa Sara Baron, psicologa e psicoterapeuta che metterà in luce il tema dell'amore ossessivo, portando come esempio la trama del romanzo. 
L'obiettivo della serata non è solo quello di presentare il libro e l'autrice, ma vuole essere un momento di condivisione, un salotto dove poter dialogare dell'amore, dei sentimenti, di quanto possa essere sottile il confine tra realtà e illusione, emozione pura e ossessione, sana gelosia e possessività. Come accorgersi di questi segnali? Cosa fare?
Tutto questo e molto altro, verrà affrontato venerdì 30 marzo alle 20.30 in Galleria d'Arte Moderna (ex chies…
Immagine
Scrivere per me è un viaggio interiore, la realizzazione pratica dei miei pensieri e, a volte dei miei tormenti.
Quando riporto, nero su bianco, le mie emozioni, le mie visioni notturne, tutto diventa chiaro e prende forma.
E' l'opposto di leggere un libro: in quel caso invece hai la possibilità d'immedesimarti nei personaggi, prendere parte ai loro stati d'animo, inserirti nelle loro ambientazioni, entrare in un mondo a te ancora sconosciuto e poter vivere il brivido della suspance, immergerti nella loro dimensione.
Nel caso dello scrittore, c'è già dentro fino al collo, ancora prima di comporre le prime frasi.
Dentro la mente di chi scrive, c'è già tutto: storia, ambientazione, colpi di scena, aleggiano le presenze dei personaggi. 

Per "Non ti scordar di me" tutto è partito da un sogno, anzi un incubo.
Mi sono svegliata di soprassalto, era notte fonda e sentivo solo le palpitazioni insistenti e penetranti dei miei respiri, dei miei battiti. Sogno spesso e…